Comprendere i sistemi di legatura delle presse compattatrici per ottimizzare i processi operativi

L’efficacia dei sistemi di legatura delle presse compattatrici è un aspetto fondamentale nella scelta del macchinario ideale per le tue necessità di compattazione dei rifiuti.

Tuttavia, c’è ancora molta confusione sulle diverse modalità di legatura delle balle di rifiuti compattate con le presse. Non è un caso che le domande più frequenti siano: “Come funziona il processo di legatura delle balle?”, “La macchina lega le balle da sola?”.

L’efficienza operativa è sempre più critica per tutte le aziende, niente può essere lasciato al caso e ogni piccolo dettaglio deve soddisfare specifiche necessità. Dunque, è giusto far emergere i propri dubbi e approfondire ogni aspetto che riguardi il funzionamento di un macchinario così importante per il successo delle tue strategie di gestione dei rifiuti in azienda.

Comprendere i sistemi di legatura delle presse compattatrici, siano esse verticali od orizzontali, ti permette di ottimizzare le operations aziendali con flussi di lavoro più efficaci. Vale la pena investire un po’ del tuo tempo per fare scelte più consapevoli ed efficaci.

sistema di legatura delle presse compattatrici LSM

Tipologie dei sistemi di legatura delle presse compattatrici

Il sistema di legatura delle presse è correlato al tipo di macchinario necessario a ottimizzare i processi di compattazione nella tua azienda. Infatti, la scelta di quest’ultimo dipende da diverse variabili, come tipologie e volumi di scarti da trattare, spazi disponibili per l’installazione delle presse e loro dislocazione nell’azienda, flussi operativi, ecc.

Detto questo, possiamo parlare di 2 sistemi di legatura delle balle nelle presse compattatrici:

  • Sistema di legatura manuale – richiede l’intervento umano per legare le balle di rifiuti. Questa tecnologia è comune nelle presse verticali, dove il processo, sebbene sia manuale, è comunque semplice e richiede solo pochi minuti per essere completato.
  • Sistema di legatura automatica – questo sistema richiede un minimo intervento umano per preparare e attivare il processo. Dopodiché, procede automaticamente per la singola fase di legatura. Tipicamente adottato nelle presse orizzontali ad alta capacità produttiva, il sistema automatico o semi-automatico facilita le operazioni, pur mantenendo una certa interazione umana, per preparare la macchina e ottimizzare il processo.

Ogni azienda presenta esigenze e dinamiche operative specifiche. Dunque, la selezione di una o più presse compattatrici non è mai un processo standard e non si base sul sistema di legatura in sé. È sempre necessario un sopraluogo in cui i nostri esperti possano valutare ogni aspetto. Solo dopo sarà possibile proporre la soluzione più efficace in base alle esigenze aziendali e agli obiettivi prefissati.

sistema di legatura delle presse compattatrici

Come funziona il sistema di legatura

Il sistema di legatura nelle presse compattatrici entra in azione al termine del ciclo di compattazione, dopo aver raggiunto il carico desiderato. Utilizzando fili di ferro o reggette di materiale antinfortunistico (dipende dal macchinario in uso), il sistema permette di realizzare balle uniformi di materiale compattato, che mantengano la loro forma durante il trasporto e lo stoccaggio.

Il funzionamento del sistema di legatura garantisce l’efficacia e l’efficienza delle presse compattatrici di rifiuti. Dunque, che sia manuale o automatico, deve essere ben progettato, sicuro e affidabile, per contribuire a ottimizzare l’intero ciclo di compattazione:

  • legatura manuale delle balle nelle presse verticali – è molto semplice, basta inserire e far scorrere le reggette lungo le apposite scanalature presenti all’interno della camera di compattazione, per poi fissarle con un nodo sul fondo della camera stessa. Quando la balla sarà completata, basterà tagliare a misura ed eseguire un nodo con le mani, senza l’uso di utensili. Il sistema di espulsione della balla farà il resto e la pressa sarà pronta per la prossima fase di compattazione dei rifiuti.
  • legatura automatica – è un sistema che prevede l’impiego di bobine di filo metallico, il quale viene tirato meccanicamente per essere inserito, tagliato e attorcigliato grazie all’impiego di un apposito sistema pneumatico o idraulico, generalmente fissato a bordo macchina. Le diverse fasi della legatura vengono gestite da sensori che guidano il processo regolando la tensione e la posizione del filo o della reggia durante la legatura.

A prescindere dal sistema di legatura delle presse compattatrici, è importante ricordare quanto la manutenzione periodica sia vitale per prevenire fermi macchina e garantire la continuità operativa. Attraverso controlli regolari e sostituzioni tempestive dei componenti usurati, il macchinario potrà svolgere il proprio compito sempre al massimo delle sue potenzialità.

Sistema di legatura delle presse compattatrici verticali

Materiali utilizzati per la legatura delle balle nelle presse compattatrici

La scelta del materiale utilizzato nel processo di legatura non è solo una questione di praticità, ma una decisione strategica che influisce sull’efficienza operativa e sulla sicurezza. Innanzi tutto, i materiali utilizzati devono garantire durabilità e resistenza, pur essendo abbastanza flessibili da agevolare la legatura della balla di rifiuti compattati.

I materiali più comunemente utilizzati nelle operazioni di legatura sono:

  • reggette in poliestere – leggere e resistenti, certificate e antinfortunistiche garantiscono un carico di rottura elevatissimo.
  • filo metallico – estremamente forte e durevole, è spesso impiegato nella compattazione dei rifiuti con presse orizzontali o laddove le caratteristiche meccaniche dei rifiuti da trattare richiedano un elevato livello di resistenza.

La compatibilità del materiale impiegato nel processo di legatura con il tipo di rifiuti da compattare è essenziale per prevenire incidenti e garantire la massima sicurezza. Materiali inappropriati possono cedere o danneggiarsi, causando la dispersione dei rifiuti o altri incidenti.

Ogni materiale ha il suo posto e il suo scopo. Scegliere saggiamente significa ottimizzare il processo di compattazione, riducendo i rischi e i costi di gestione dei rifiuti. Per questi motivi, in Ciclia abbiamo scelto, e consigliamo di utilizzare, la reggetta in poliestere, anche se di solito usi i cavi d’acciaio. I motivi sono molto semplici quanto importanti:

  • realizzata mediante l’intreccio di numerose fibre di poliestere incollate a caldo tra loro, la nostra reggetta in poliestere ha una struttura tale da garantire un elevatissimo carico di rottura certificato. Risulta 3 volte più resistente dei cavi d’acciaio e può sostituire i fili o la reggetta metallica negli impieghi gravosi, senza problemi;
  • dotata di proprietà antiscivolamento, è leggera ed elastica garantendo l’inalterabilità della legatura;
  • garantisce un’efficace legatura a mano, senza l’uso di utensili;
  • tenace agli agenti atmosferici e agli eventi climatici, resiste ai raggi UV, non è sensibile alle basse temperature e resiste alle temperature elevate, fino a 150 °C
  • elimina i rischi di incidenti sul lavoro, dovuti a tagli, abrasioni o ferite provocate dalle normali reggette in plastica rigida.

Rispetto alle reggette in plastica rigida o in metallo, la reggetta in poliestere Ciclia può garantirti sicurezza, facilità d’uso e resistenza alla rottura, per ottimizzare e semplificare il processo di legatura della tua pressa compattatrice.

Reggetta in poliestere per legatura balle rifiuti compattati

Sistemi di legatura delle presse compattatrici LSM

LSM progetta e produce le proprie presse compattatrici utilizzando solo componenti
di alta qualità selezionati Made in Europe. È un’azienda costantemente impegnata nella ricerca di soluzioni innovative per garantire sempre la massima affidabilità, durabilità ed efficienza. Ne è un esempio l’esclusiva tecnologia di alimentazione dinamica E-Power, sviluppata per offrire motori a risparmio energetico con prestazioni elevate.

Il sistema di legatura delle presse verticali LSM è manuale, ma progettato per semplificare il processo e ridurre al minimo le tempistiche operative. Sulle presse orizzontali la scelta è ricaduta su un evoluto sistema di legatura parzialmente automatizzato, per garantire il controllo totale del processo di compattazione. Ma non finisce qui. LSM ha studiato e sviluppato soluzioni tecnologiche orientate all’usabilità delle presse, per snellire la gestione dei rifiuti in completa sicurezza, ad esempio:

  • sistema “kicker” integrato, per lo scarico manuale e facilitato della balla, con comandi a due mani per la massima sicurezza (Presse Verticali);
  • indicatore luminoso Bale Full per garantire un funzionamento sicuro nei siti multiutente (Presse Verticali);
  • sistema di legatura con il filo di tipo “quick link”, con anti-inceppamento, più rapido del 50% rispetto ai competitor (Presse orizzontali);
  • legatura con sistema di fissaggio a 3 fili, anziché 4. Riduce del 30% i costi correlati al materiale di consumo e garantisce la massima compattezza del materiale imballato (In dotazione sulla nuova pressa orizzontale H50S E-Power Plus, con processo di legatura automatico).

Queste sono alcune delle soluzioni tecnologiche che puoi trovare se scegli le macchine LSM. Vuoi saperne di più e approfondire ogni singolo aspetto del sistema di legatura delle nostre presse compattatrici?

Contattaci subito, i nostri esperti sono pronti per rispondere a ogni tua domanda. Possiamo fare un sopralluogo in azienda, senza impegno, per aiutarti a trovare la soluzione strategica in grado di soddisfare le tue esigenze di compattazione dei rifiiuti e superare le tue aspettative.

Articoli simili